Freeride

Col Margherita Freeride Park: il Passo San Pellegrino dà spazio al fuori pista!
Sul versante nord del Col Margherita gli sciatori che amano avventurarsi sulla neve fresca, possono mettere alla prova il proprio stile e la propria tecnica lanciandosi in discese mozzafiato nel Col Margherita Freeride Park, un tracciato controllato unico nel suo genere in tutto il Dolomiti Superski.

Il Col Margherita Freeride Park è  dotato di idonea segnaletica, cancello con prova ARVA, personale qualificato in grado di segnalare la presenza di rischio valanghe, insufficiente innevamento o scarsa visibilità tali da precludere la discesa e un tempestivo servizio di soccorso gestito in collaborazione con la Polizia di Stato e il Soccorso Alpino. Dalla cima del Col Margherita (2513 m) si scende fino a valle (1918 m) per un dislivello totale di circa 600 metri. Ottimo innevamento per buona parte dell’inverno.

Il Col Margherita Freeride Park è facilmente raggiungibile dal Passo San Pellegrino attraverso la veloce funivia Col Margherita. Tra una sciata e l’altra, ci si può fermare per una piacevole pausa all’Husky Bar e al Diametro 64, due ristori situati rispettivamente a monte e a valle dell’impianto di risalita.

KIT OBBLIGATORIO
Per fare freeride bisogna avere l’attrezzatura adeguata che, in caso di pericolo, consente di praticare l’autosoccorso in valanga: ARVA, sonda, pala e zaino, sci da freeride o snowboard. Si consiglia di indossare il casco: anche un’area molto nevosa e apparentemente sicura può nascondere un sacco di insidie come rocce e alberi nascosti.

Scopri il Col Margherita Freeride Park anche su facebook!

CAMPO ARVA

Sul Col Margherita è presente anche un campo di addestramento ARVA molto utile per “fare pratica” nell’utilizzo dell’ARVA e della sonda da valanga: in un’area opportunamente recintata delle dimensioni di circa 100 x 100 m, che rappresenta una ipotetica zona di accumulo di una valanga, sono posizionati a diverse profondità e inclinazioni 6 contenitori dotati di particolari trasmettitori ARVA, che possono essere attivati da una centrale di comando ubicata all’ingresso dell’area.