Universiadi: nel weekend le piste del Passo San Pellegrino hanno regalato 4 medaglie ai colori azzurri

Universiadi: nel weekend le piste del Passo San Pellegrino hanno regalato 4 medaglie ai colori azzurri

Il Passo San Pellegrino è stato il protagonista assoluto del primo week-end di gare delle XXVI Universiadi Invernali in corso di svolgimento in Trentino, dall’11 al 21 dicembre. Le piste del Passo tra venerdì e domenica hanno infatti ospitato le gare regine dello sci alpino, discesa libera e superG, sia maschili che femminili. Gare che hanno regalato subito grandi soddisfazioni ai colori azzurri.

Venerdì nella discesa libera maschile oro e bronzo per l’Italia. Davide Cazzaniga, campione italiano junior di discesa libera in carica, ha fatto registrare la migliore prestazione assoluta della giornata sulla pista Cima Uomo, davanti al francese Blaise Giezendanner e all’altro italiano, il milanese Guglielmo Bosca. Il vento dell’est ha soffiato sulla prova femminile con la russa Valentina Golenkova che ha preceduto sul traguardo la slovacca Jana Gantnerova e la polacca Karolina Chrapek. La migliore delle italiane è stata la milanese Gaia Martinelli undicesima sotto lo striscione d’arrivo.

Sabato è toccato al superG maschile con il francese Blaise Giezendanner che si è preso la rivincita vincendo l’oro sfuggito il giorno precedente in discesa battendo il connazionale Nicola Raffort di 55 centesimi. A tenere alti i colori azzurri ci ha pensato ancora una volta Guglielmo Bosca, terzo, che ha bissato così il bronzo ottenuto in discesa. Si aspettava la replica Davide Cazzaniga che purtroppo ha avuto una giornata sfortunata, secondo al primo intertempo e in linea per salire ancora sul podio nel finale l’azzurro ha saltato una porta dovendosi così ritirare.

Domenica gran finale del programma delle prove veloci con la quarta medaglia, e secondo oro, per l’Italia. Merito di Giulia Borghetti, 23enne di Cologno Monzese, che ha conquistato il titolo di superG precedendo la polacca Karolina Chrapek e la russa Valentina Golenkova entrambe già sul podio in discesa libera.

“Sono state tre giornata intense che hanno regalato forti emozioni e fortunatamente anche grandi soddisfazioni all’Italia” spiega il direttore della ski area Passo San Pellegrino-Falcade Renzo Minella. “Ci auguriamo che le Universiadi rappresentino per questi giovani atleti un trampolino di lancio per affermarsi poi un giorno anche in Coppa del Mondo. Dal punto di vista organizzativo siamo molto soddisfatti. La pista di Cima Uomo già protagonista più volte della rassegna tricolore e di gare internazionali di alto livello ha risposto ancora una volta alla grande dimostrandosi all’altezza. La pista ha tenuto senza problemi garantendo a tutti gli atleti (oltre 200 provenienti da 40 nazioni di tutto il mondo), dal primo all’ultimo, le medesime condizioni. Siamo a inizio stagione e questo evento ha rappresentato una bella vetrina per la nostra ski area anche dal punto di vista mediatico con le immagini delle gare i servizi trasmessi in tv, in Italia e all’estero, e le news circolate sul web e la stampa sportiva. Dal punto di vista meteo difficile chiedere di più, abbiamo avuto tre giornate splendide di sole con temperature ottimali, l’ideale oltre che per gli atleti anche per chi è venuto qui numeroso per assistere alle prove ma anche per godersi una bella sciata. Ci tengo a ricordare infatti che tutte le piste della ski area Passo San Pellegrino-Falcade sono regolarmente aperte ogni giorno e in perfette condizioni; la stagione è partita bene e ci auguriamo di continuare così guardando con fiducia al periodo natalizio ormai alle porte.”

Classifiche e programma: http://www.universiadetrentino.org/content/program